Giovedì, 03 Luglio 2014 19:04

Service Progetto Martina - Cerimonia conclusiva - Sibari 15.06.2014

Foto ricordo: con me, da sinistra, Totò Fuscaldo, Luigi Buffardi, Alba Capobianco e Giandomenico Pirillo Foto ricordo: con me, da sinistra, Totò Fuscaldo, Luigi Buffardi, Alba Capobianco e Giandomenico Pirillo

Dott. Giuseppe Naim

 Coordinatore 7^ Circoscrizione - anno 2013/2014

          

Logo Progetto MartinaDomenica 15 giugno scorso si è tenuta a Sibari, presso l’affascinante Museo Archeologico, la cerimonia conclusiva del Progetto Martina per l’anno sociale 2013-2014, inserita nell’ambito di una riunione della VI^ Circoscrizione organizzata dal Presidente Giandomenico Pirillo. Alla presenza del Governatore del Distretto 108 YA Luigi Buffardi e del 2° Vice Governatore Antonio Fuscaldo, la Coordinatrice distrettuale del Progetto Martina, Alba Capobianco, dopo aver sottolineato la grande rilevanza del Service nazionale rivolto agli studenti delle scuole superiori, ha espresso tutta la sua soddisfazione per i lusinghieri risultati ottenuti in tutto il distretto presentando il report con i dati complessivi ed in dettaglio, per singola circoscrizione, corredati da una bellissima documentazione fotografica, che hanno testimoniato il notevole successo ottenuto nell’anno.

PM Sibari 1Alla fine della sua relazione conclusiva, Alba Capobianco ha consegnato ai Coordinatori delle sette circoscrizioni gli attestati, in segno di riconoscenza e stima per il proficuo lavoro svolto e per i significativi risultati ottenuti. Grande la mia soddisfazione per i numeri raggiunti dalla mia 7^ Circoscrizione, risultata alla fine tra le più efficaci non solo del nostro Distretto 108 YA ma anche di tutto il Multidistretto Italy. Ho anche ritirato gli attestati da consegnare ai Presidenti ed ai Responsabili di Club per il Progetto Martina di tutti i Lions Clubs che hanno partecipato attivamente al Service.

Nel corso della cerimonia, ed è stato un momento estremamente significativo e per me anche molto emozionante e gratificante, Alessandro Cama, uno studente del Liceo Classico “T. Campanella” di Reggio Calabria, sede di uno dei tanti eventi dell’anno, organizzato da due Lions Clubs di Reggio Calabria, Castello Aragonese e Città del Mediterraneo, ha voluto dare una personale e tangibile testimonianza  dell’apprezzamento del Service da parte sua in qualità di entusiasta portavoce di tutti gli studenti del suo istituto scolastico, leggendo la seguente lettera:

“La conoscenza è l’arma migliore che abbiamo a disposizione per sconfiggere  i nostri mali. Sembra essere questa la massima che guida l’operato del Lions Club, che con il progetto Martina si propone di portare nelle scuole la conoscenza della metodologia di cura di un cancro e con essa soprattutto la cultura della prevenzione, che è estremamente importante soprattutto per patologie come quelle tumorali. “Ogni tumore può essere asportato se preso nella sua fase iniziale” ricorda il dott. Naim, che ha introdotto l’incontro. Il progetto Martina nasce nell’anno scolastico 1999-2000 quando alcuni medici iscritti al Lions Club di Padova  su invito  dell’associazione ”Noi e il cancro, volontà di vivere” cominciano a incontrare gli studenti delle scuole superiori per informarli sui metodi della lotta contro il cancro. Il progetto compie un  importante passo in avanti quando Martina, una giovane donna affetta da tumore alla mammella, prima di morire esprime il desiderio che i giovani vengano informati ed educati ad avere maggior cura della propria salute. I Lions si sono assunti la responsabilità di realizzare il desiderio di Martina dando all’iniziativa portata nazionale. L’incontro tenutosi presso la nostra scuola si è svolto in diverse fasi e nel corso di esso è stato spiegato lo sviluppo dei tumori più diffusi: il melanoma, il cancro del collo dell’utero e quello dei testicoli. L’argomento è stato trattato con estrema chiarezza e gli interventi hanno focalizzato l’attenzione su quanto la prevenzione ed il controllo siano le armi più efficaci  per combattere la patologia; ci è stato spiegato inoltre che la prevenzione consta di piccoli gesti quotidiani, che spesso sono sottovalutati ma che possono fare la differenza fra la vita e la morte. Al termine dell’incontro ci è stato consegnato un questionario per verificare il grado del nostro gradimento all’incontro e l’utilità da noi  attribuitogli. I risultati hanno dimostrato che ovunque l’incontro è stato molto utile e vissuto con molta partecipazione ed interesse; ci auspichiamo che una simile iniziativa continui ad essere così proficua, consci di aver fatto anche noi la nostra parte, seppur piccola, nel realizzare il desiderio di Martina”. 

PM Sibari 2Questa bellissima lettera di Alessandro è l’ulteriore dimostrazione del grande valore del Progetto Martina e costituisce per noi Lions un grande stimolo per continuare ad impegnarsi ed a lavorare con entusiasmo per  portare avanti sempre con maggiore determinazione e convinzione questo service che rappresenta, come ho già detto all’inizio del mio incarico e poi ripetuto più volte nel corso dei vari eventi di questo anno sociale, un investimento per il futuro della nostra popolazione. Un service meraviglioso che costituisce un sogno al quale noi Lions dobbiamo credere e che noi Lions dobbiamo vivere perché, come dice Eleanor Roosevelt, “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni”   

Letto 1458 volte